Inizia l’era post Viagra: oggi, con le onde d’urto, in sole 6 sedute il 70% dei pazienti può dire addio al Viagra.

Onde d’urto, gomme da masticare e gel. L’armamentario delle terapie contro i problemi erettili si arricchisce di nuovi strumenti, più sicuri del Viagra in quanto non facilmente “taroccabili”.

La Società italiana di andrologia spiega il futuro dell’era post-Viagra: “Siamo finalmente in un’era post-pillole dell’amore, in cui la tecnologia ci garantisce terapie all’avanguardia e soprattutto non clonabili. La pillola blu è stato un ottimo farmaco e ha aperto la strada, però è anche il più contraffatto del mercato: circa un terzo degli uomini che acquista farmaci per risolvere la disfunzione erettile ricorre all’autosomministrazione e spesso se li procura sul web, dove il Viagra costa anche 10 volte meno rispetto alla farmacia, ma non garantisce efficacia e sicurezza. Le pillole non autorizzate, che arrivano soprattutto da India e Cina, contengono spesso dosaggi anomali, fino al doppio del dovuto, oppure non hanno alcun principio attivo. Soprattutto, nell’8,5% dei casi sono state riscontrate sostanze tossiche o velenose, perfino in grado di provocare danni permanenti”.

Oggi, con le onde d’urto, in sole 6 sedute il 70% dei pazienti può dire addio al Viagra.

Un’altra alternativa sono i chewing-gum, già disponibili in Italia, con i quali il principio attivo non passa dallo stomaco (dove gran parte del prodotto viene distrutto dagli acidi).

Oppure, il gel, si usa direttamente sul pene e contiene sostanzialmente lo stesso principio attivo dei chewing-gum.

 

Torna alla home di aritos.it