Il trattato di Schengen

Schengen è un comune del Lussemburgo con una curiosa posizione geografica, poichè confina a ovest con la Germania e a Est con la Francia, nel contesto di una zona che storicamente è stata teatro di sanguinose guerre.

La sua simbolica appartenenza a tre stati europei nel cuore dell’Europa fisica lo ha reso ideale per firmare uno storico accordo che ha eliminato i confini interni all’Europa Politica, con l’intento di cancellare il nostro passato di nemici e dare vita all’Unione Europea.

Il trattato si Schengen è, infatti, l’accordo che consente a persone e merci di spostarsi senza frontiere all’interno degli stati firmatari. Sulla piantina vedete in blu gli stati UE aderenti e in verde gli stati NON UE aderenti.

Non ne fanno parte Bulgaria, Cipro, Croazia, e Romania, per cui il trattato non è ancora entrato in vigore, mentre l’Irlanda non ha mai aderito alla convenzione. Anche il Regno Unito, recentemente uscito dall’Unione Europea con la famosa Brexit, non aveva mai aderito allo spazio Schengen.

Lo spazio Schengen può essere chiuso, anche unilateralmente, dai singoli stati membri, in presenza di questioni di particolare gravità (come, ad esempio, la pandemia di Coronavirus).